top of page

Un Durchgangslager, un campo di transito nazista durante l’inverno del 1944. 

L’ufficiale delle SS che ne assume il comando concede sperimentalmente ai prigionieri la possibilità di un’esistenza meno disumana: ma l’operazione si ritorce contro di lui, determinando il suo fallimento. 

La macchina nazista ha leggi fatali, cui non è dato sfuggire, e la vittoria, sia pure nella morte, sta dall’altra parte della barricata. 

Pur essendosi dedicata con diverse pubblicazioni allo studio della storia della Resistenza, Laura Conti era convinta che i materiali documentari, anche memorialistici, fossero spesso inadeguati a trasmettere ciò che di indicibile era insito nella realtà della vita e della morte nei campi nazisti. 

Da qui la decisione di scrivere questo romanzo, pubblicato nel 1965, ispirato alla propria esperienza nella Resistenza e nel Lager di Bolzano dove era stata imprigionata dall’inizio di settembre 1944 alla fine di aprile 1945. I numerosi personaggi sono ricreati con la fantasia ma ancorati alla drammatica esperienza vissuta. 

Le dinamiche del campo di concentramento sono ricostruite non solo attraverso i rapporti di potere tra carcerieri e prigionieri, ma anche attraverso i rapporti complessi e spesso contraddittori che si instaurano tra i prigionieri, attraverso i loro ragionamenti e le loro emozioni. 

Le storie dei diversi personaggi sono rielaborazioni di situazioni, voci e immagini rimaste impresse nella memoria dell’autrice, in una molteplicità di punti di vista, tra ricordi e rimpianti, paure e speranze.

 

La condizione sperimentale

di Laura Conti

Fandango

La condizione sperimentale